08/02/15
Studio italiano conferma potere antiage della proteina Creb1. Si produce se si assumono meno calorie. Più salute per la gente e anche per il pianeta.
leggi...
"Chi ha paura di sognare
e' destinato a morire"
Bob Marley
 


Bookmark and Share



HOME // ENERGIE SOTTILI < Back

I TEMPLARI
La storia dei monaci guerrieri che cambiarono il mondo
Fabrizio Nencioni

 

 

 

 

 

 

Fin dalle origini di questo Ordine tutto è oscuro, o più precisamente avvolto nel Mistero. Segretum Templi è il nome dato a questo studio che riguarda la storia segreta, o più precisamente misterica dell’Ordine del Tempio, iniziato ufficialmente nel 1128 e terminato nel 1312 dopo un'infame processo durato cinque anni.

Storicamente 9 cavalieri furono inviati da Bernardo di Chiaravalle, monaco cistercense poi fatto Santo, a Gerusalemme, correva l’anno 1118 o 1119 e i 9 cavalieri furono accolti dal re Baldovino II di Gerusalemme e fu loro data come dimora la sede del vecchio tempio di Salomone, da qua il nome “Ordine dei Cavalieri del Tempio di Salomone”, comunemente chiamati Templari o anche chiamata “Militia Christi”, i monaci guerrieri.

La scusa iniziale fu che i 9 cavalieri avrebbero dovuto difendere i pellegrini che si recavano in pellegrinaggio in Terra Santa, ma 9 cavalieri, contro i numerosi gruppi di banditi che imperversavano a quei tempi da quelle parti in cerca di bottino facile come quello di pellegrini disarmati, avrebbero potuto fare ben poco.

In seguito alla costituzione dell’Ordine del Tempio nel 1128, una delle missioni dei Templari diventò proprio quella di difesa dei pellegrini che andavano in Terra Santa, ma nel 1118 questa non era la verità, Bernardo di Chiaravalle inviò i 9 Cavalieri alla ricerca di qualcosa di molto prezioso che si sapeva un tempo essere stato custodito proprio nel Tempio di Salomone: si ipotizza che fosse l’Arca dell’Alleanza con dentro le Tavole della Legge e sembra che i Templari abbiano trovato veramente quello che cercavano e l’Arca sia poi stata portata a Chartres come in due colonne del portale nord della cattedrale di Chartres è raffigurata  trainata da buoi. (vedi allegato)

Pare che nell’Arca dell’Alleanza ricevuta da Mosè sul Sinai, ci potesse essere anche la sapienza egizia sulla costruzione delle piramidi e di altri edifici sacri.

I Templari stessi, per tramite dei Cistercensi, fecero pervenire alle Corporazioni dei Costruttori di Cattedrali, questa conoscenza dei numeri, dei pesi e delle proporzioni dando origine ai più imponenti progetti di cattedrali gotiche d’Europa (Notre-Dame de Chartres, Reims, Bourges, Amiens, Paris).

 

Tali progetti utilizzarono tecniche di costruzione innovative apprese dal nulla e senza continuità rispetto al consolidato stile Romanico dell’epoca, insomma il Gotico nacque da nulla.

I Templari avevano anche cambiato il mondo di quei tempi. Partendo dal fatto che nel loro giuramento avrebbero dovuto combattere anche se avevano di fronte una forza tre volte superiore alla loro, erano diventati formidabili combattenti ed avevano estirpato il banditismo in Francia e in altri luoghi dove erano presenti. Avevano eliminato le gabelle per l’attraversamento dei ponti, avevano costruito le loro commanderie, cosi si chiamavano i loro insediamenti, a distanza di un giorno di cammino l’una dall’altra di modo che, i pellegrini in viaggio, la notte potevano sempre dormire al sicuro. Custodivano nelle commanderie le messi dei contadini, prestavano soldi promovendo così l’economia, facevano anche da banca custodendo ricchezze di nobili e di re nelle loro roccaforti ritenute inespugnabili, insomma il mondo con i Templari era diventato un luogo migliore.

 

I Templari destinati alle crociate, costituivano una formidabile cavalleria di sfondamento ed erano molto temuti dai loro nemici, dai saraceni. Generalmente la cavalleria era composta da 600 unità e ogni Templare aveva al seguito 3 scudieri, insomma erano un esercito di eccellenti qualità nell’esercito crociato, il loro addestramento era rigido e completo, nel vitto, nella preparazione, nella vita sociale.

I possedimenti di ogni singolo Templare, quando entrava a far parte dell’Ordine dei monaci guerrieri, doveva essere donato all’ordine stesso, sia che fossero pochi denari, sia che fossero ricchezze o possedimenti terrieri facendo così diventare l’ordine steso molto ricco e potente, uno stato nello stato perché non dovevano pagare tributi ne ai re e ne alla chiesa. L’Ordine per questo diventò molto ricco e potente, costruì centinaia di commanderie, edifici di culto e fortezze, possedevano anche una flotta e furono a un passo dall’ereditare il Regno di Aragona in Spagna.

A capo dell’Ordine c’era il Gran Maestro che rimaneva in carica per tutta la vita e uno nuovo veniva rieletto dopo la sua morte. Al Gran Maestro tutti i Templari dovevano obbedienza assoluta.

 

I Templari erano monaci a tutti gli effetti, avevando fatto voto di castità, obbedienza e povertà. Erano tenuti a osservare celebrazioni religiose, mangiare in silenzio ascoltando la Bibbia, mangiavano carne tre volte alla settimana, curavano molto l'igiene intima, portavano capelli corti e spesso barba a baffi, erano tenuti a fare le elemosine.

 

 

 

 

 

 




L'Arca sulle colonne della cattedrale di Chartres

Templari e sigillo templare

Fai una domanda o inserisci il tuo commento:
Nick:
Testo