08/02/15
Studio italiano conferma potere antiage della proteina Creb1. Si produce se si assumono meno calorie. Più salute per la gente e anche per il pianeta.
leggi...
"Chi ha paura di sognare
e' destinato a morire"
Bob Marley
 


Bookmark and Share



banner geoshelter.it


HOME // REIKI OGGI < Back

Il Karuna Reiki
Altri metodi di GUARIGIONE ENERGETICA (1)
Fabrizio Nencioni






















Come potete leggere nell’allegato qua a fianco preso dalla dispensa che mi fu data al conseguimento del master di Karuna Reiki, questo metodo di guarigione fu ideato da William Rand negli anni 70.
Rand prese 8 simboli che potete vedere sempre qua a fianco e concepì questo metodo di guarigione energetica che denominò Karuna Reiki e lo divise in due livelli.
Esistono altri 4 simboli per poterlo trasmettere e sono quelli usati dal master durante un seminario.

Per potere essere attivati (iniziati) al Karuna Reiki è necessario essere stati prima attivati al II livello del Reiki tradizionale dove esistono già i 3 simboli Reiki.
E’ questa la ragione per la quale nel metodo di guarigione di Rand che chiamò Karuna, dopo la parola Karuna compare la parola Reiki.

Il Reiki tradizionale di Usui riscoperto in Giappone alla fine del 1800 è l’albero portante al quale possono essere innestati altri rami, altri metodi di guarigione energetica come il Karuna Reiki, il Sekhem-Seichim Reiki e altri meno conosciuti.

William Rand divise il metodo in due livelli per praticità e specialmente per diluire l’energia che viene così ricevuta da chi viene attivato.
I simboli gialli allegati sono quelli del I livello, quelli verdi sono del II.
Essi non sono come i 2 livelli del Reiki tradizionale dove col I livello si comincia ad usare l’energia Reiki tramite l’imposizione delle mani e nel II livello si inizia a usare la potente simbologia Reiki per poter lavorare con l’energia anche a livello intenzionale.

Nel Karuna Reiki si inizia subito a lavorare a livello intenzionale lavorando su di se e su gli altri con i vari simboli.
Si può effettuare anche un semplice trattamento tramite l'imposizione delle mani senza nessun lavoro con i simboli a livello intenzionale; l'energia che passerà da voi alla persona che trattate sarà anche quella del Karuna Reiki e quindi più intensa di quella del solo Reiki e in
questo
sito di Karuna Reiki potrete trovare il significato di ogni simbolo e la loro vibrazione energetica cliccando su ognuno di essi.

E’ principalmente tramite il simbolo del master del metodo Reiki tradizionale che Rand trovò il sistema di trasmettere agli allievi i simboli del Karuna aprendo i loro canali energetici e imprimendoli nell’aura e nei corpi eterici.
Allo stesso modo come il simbolo del master tradizionale serve nel Reiki tradizionale per aprire i canali energetici delle persone che vengono attivate ai vari livelli.

L’esperienza del Karuna Reiki è stata per me veramente molto bella ed emozionante: dopo le attivazioni ai due livelli che ricevetti lo stesso giorno (il master arrivò qualche mese dopo), cambiò nettamente la qualità dell’energia che dopo usciva dai palmi delle mie mani.
Durante l’autotrattamento la percezione che vi era stato un salto energetico era veramente chiara e il calore stesso era molto più avvolgente e rassicurante ed il potere di guarigione tramite l’imposizione delle mani risultò notevolmente aumentato sia su di me che sugli altri.

Ci sono scuole di Reiki che hanno unificato, per praticità, i due metodi di Reiki tradizionale e di Karuna Reiki.
Se da una parte il risultato è di una cosa più pratica, da un altro punto di vista è stata forse fatta un po’ di confusione per chi si avvicina a questo mondo di guarigione intenso e affascinante.
La confusione può nascere perchè talvolta le spiegazioni e le differenza che potete leggere in questo articolo non vengono date e viene fatto passare tutto per energia Reiki.

Quest’articolo vuole soltanto fare un po’ di chiarezza nel variegato panorama dei metodi di guarigione energetica legati all’energia Reiki.




Zonar

Halu

Harth

Rama

Gnosa

Kryia

Iava

Shanti

Fai una domanda o inserisci il tuo commento:
Nick:
Testo