08/02/15
Studio italiano conferma potere antiage della proteina Creb1. Si produce se si assumono meno calorie. Più salute per la gente e anche per il pianeta.
leggi...
"Chi ha paura di sognare
e' destinato a morire"
Bob Marley
 


Bookmark and Share



banner geoshelter.it


HOME // NEWS < Back

Medicine non convenzionali, riparte la discussione sul disegno di legge
Decisa l'istituzione di un gruppo di lavoro misto - Commissione e governo - per la fattibilità
Carissimi lettori, continua questo viaggio nel mondo della medicina
complementare ed in particolare sugli aspetti legislativi ad essa 
legati. Ospitiamo il parere del Senatore Daniele Bosone , Vice
Presidente Commissione Sanità del Senato della Repubblica, e relatore
del progetto di legge finalizzato alla regolamentazione delle discipline
complementari.

Sono sicuro che questa volta, per l'autorevolezza  e la competenza
dell'autore , molti lettori vorranno prendere parte alla discussione o
quantomeno lasciare un loro commento.

Allora, come sempre, vi sollecito ad intervenire e lasciare traccia del
vostro pensiero nello spazio a voi dedicato......e buona lettura!

 

Regole per le medicine non convenzionali: una necessità per il Paese.

Il dibattito sulle medicine non convenzionali nel nostro Paese si
protrae ormai da quindici anni. All'esame della Commissione Igiene e
Sanità del Senato vi sono quattro disegni di legge, sia di maggioranza
sia di opposizione, cui da ultimo se ne sono aggiunti altri tre relativi
alle discipline del benessere, che, pur se discussi congiuntamente, è
opportuno comunque tener distinti dai primi che riguardano più
propriamente aspetti medici.



A seguito di audizioni tenutesi presso la Commissione – utili per
acquisire pareri e indicazioni da parte degli esperti di settore e delle
altre istituzioni che si occupano di medicine non convenzionali –,
in qualità di relatore dei disegni di legge ho presentato un testo
unificato da adottare come testo base per il prosieguo della
discussione.


Nella stesura ho tenuto conto anche di quanto, nel corso delle sedute,
abbiamo potuto recepire riguardo a idee diverse sull'impostazione di
temi cruciali, quali, ad esempio, la modalità formativa, la creazione
dei registri dei professionisti, l'introduzione di alcune pratiche nei
Livelli essenziali di assistenza.



Sono state così poste le fondamenta per poter procedere con
l'esame del provvedimento e giungere finalmente a regolare un settore
delicato
, che riguarda un numero sempre crescente di cittadini che scelgono di affidare le proprie cure a tali discipline.



Vero è che le medicine complementari, a torto o a ragione, hanno sempre
subito nel nostro Paese una sorta "ghettizzazione" da una parte della
comunità scientifica, non a caso anche alcune operazioni poste in atto
da Istituzioni che avevano lo scopo di documentare il cittadino ad
esempio sull'uso dell'omeopatia (vedi opuscolo redatto lo scorso anno
dal Comune di Milano) sono state fortemente criticate da comparti del
mondo accademico. È per questo che il tema deve essere
affrontato cercando di liberarsi da preconcetti derivanti da una
formazione culturale che non consente di comprenderne a fondo le
peculiarità, per poter così uscire da una situazione caotica
, dipanare la matassa e porre rimedio ai forti ritardi nella regolamentazione del settore.



È necessario, infatti, che si pervenga quanto prima
all'approvazione di una legge che riconosca la «doppia libertà», di
scelta terapeutica del singolo e di cura da parte dei medici, adempiendo
compiutamente allo spirito dell’articolo 32 della Costituzione
e
tutelando quindi la salute dei pazienti e la professionalità di coloro
che si sono formati per poter esercitare le terapie e le medicine non
convenzionali. Libertà di scelta che non può peraltro prescindere dalla
piena informazione dei possibili e diversi approcci diagnostici e
terapeutici e dalla piena disponibilità dei medicinali usati dalle
diverse MNC.



Sono invero oltre undici milioni gli Italiani che ricorrono alle medicine non convenzionali: occorre regolamentarle e offrire certezze a medici e pazienti con una legge del Parlamento,
per fare in modo che non si giunga a una frammentazione del Sistema
sanitario che si avrebbe invece qualora, nel silenzio del legislatore
nazionale, le singole regioni vi provvedessero autonomamente.



Vi è poi una normativa europea in evoluzione: l'Italia ha
recepito la direttiva sui farmaci e l'AIFA ne sta dando attuazione, con
particolare riguardo ai farmaci omeopatici, consentendo così alle
aziende del settore di procedere alla registrazione dei preparati già
presenti sul mercato e alla messa in commercio di nuove specialità
,
offrendo in tal modo un indubbio vantaggio all'intera collettività e ai
medici che dal 1995 vedono limitate le proprie possibilità di cura.



Va inoltre evidenziato che esistono ancora numerosi miti da sfatare con
riferimento alle medicine non convenzionali, anche fra persone addette
ai lavori, che compiono un vero e proprio errore concettuale
considerandole come "alternative" alla medicina tradizionale e non come
"complementari" ad essa.

Tali medicine invero costituiscono un'opportunità in più per quanti le
scelgono: la medicina, infatti, deve avere un orizzonte aperto a ogni
nuova metodologia di cura che abbia una base scientifica documentata e
che abbia come fine la tutela della salute dei pazienti.

A tale scopo occorre una legge che disciplini la formazione dei medici e la professione in sé per
limitare gli spazi in cui si possano inserire cialtroni e non esperti.
La scorsa settimana, a seguito delle insistenze per riprendere la
discussione del disegno di legge ormai ferma da diversi mesi, è stata
decisa, in accordo col Governo, l'istituzione di un gruppo di
lavoro misto – Commissione e Governo – per valutare fattibilità e
contenuti della legge stessa in tempi congrui.


 

Sen. Daniele Bosone

vicepresidente Commissione Igiene e sanità


Senato della Repubblica

Fonte



Fai una domanda o inserisci il tuo commento:
Nick:
Testo