08/02/15
Studio italiano conferma potere antiage della proteina Creb1. Si produce se si assumono meno calorie. Più salute per la gente e anche per il pianeta.
leggi...
"Chi ha paura di sognare
e' destinato a morire"
Bob Marley
 


Bookmark and Share



banner geoshelter.it


HOME // ENERGIE SOTTILI < Back

I cerchi nel grano
Su CROPCIRCLECONNECTOR le ultime apparizioni del 2011
Fabrizio Nencioni

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa sono i Crop Circles?

E’ sicuramente una delle più belle ed affascinanti domande di questi tempi riguardanti un fenomeno inspiegabile inquadrato nelle energie sottili!...e questo accanto è il cerchio vicino ad Awebury che nel 2002 misurai in lungo e in largo e grazie a quelle misurazioni ho potuto scrivere questo articolo.


Certamente, se andrete sul sito del Cicap, troverete quella che loro ritengono essere la dimostrazione che le formazioni nel grano che appaiono nel mondo, sono TUTTE create dall’uomo e quindi fasulle.
Migliaia di burloni in tutto il pianeta che si divertono a prendere in giro tutti: strano e particolare ma c’è un peculiarità che coloro che vogliono dimostrarci che è una burla colossale non ci dicono: che nessuno è mai stato trovato con le mani nel sacco a fabbricare le centinaia e centinaia di Crop Circles  apparsi da 20 anni a oggi!!!


Questo non vuol dire che non ve ne siano di fasulli, ve ne sono eccome. Si chiamano “circle makers” le persone che li fabbricano, alla lettera “fabbricatori di cerchi”.

Una delle prime teorie formulate dal CICAP era che i cerchi erano formati dai porcospini in amore che si inseguivano di notte nei campi di grano!!!


La maggior parte delle formazioni autentiche viene rilevata da sempre in Inghilterra, nel Wiltshire, una regione a sud-ovest di Londra dove vi è anche Stonehenge. D'estate potete seguire su internet, giorno per giorno, il nascere di tutte le nuove formazioni sul sito Cropcircleconnector, il sito più famoso in materia e potete andare a visitare anche il sito italiano Cropfiles per vedere anche quelli degli anni passati; ora il sito inglese è aggiornato anche con le formazioni di tutto il mondo. Nel Wiltshire non vi è solo Stonhenge come costruzione megalitica; vi sono anche molte altre costruzioni meno leggendarie ma non meno antiche e cariche di energia. Si, cariche di energia perché questi luoghi di culto vicino ai quali appaiono i Crop Circle, questi luoghi o le rovine che rimangono, sono stati tutti edificati sulle “ley lines”, linee energetiche sotterranee che attraversano il nostro pianeta. Queste linee seguono spesso corsi sotterranei di acque e molte cattedrali, perlopiù gotiche, sono state costruite dove più ley lines (perlomeno due) si incrociano.


Se avete già letto l’articolo sulla Geobiologia, avrete appreso che il luogo dove dormiamo è posizionato su uno scorrimento di acqua, la nostra salute viene danneggiata. Possiamo dire che la stessa energia che ci danneggia se ci dormiamo sopra tutte le notti, era usata dagli antichi per costruirci sopra le cattedrali gotiche; anche molti “menhir” rovine megalitiche, sono costruite sopra queste energie come, del resto, la stessa Stonehenge. Questo è spiegabile perché in una cattedrale non ci dormiamo. Gli antichi ritenevano che un luogo di culto o di pratica esoterica andasse costruito in quella forte situazione energetica. Rimanerci sopra per un periodo non lungo, la durata di un rito o di una funzione religiosa, non può creare disagi per l’organismo. In questo caso mi limito ad osservare, mancano ancora anche a me delle risposte ma le popolazioni antiche avevano la conoscenza della natura; la civiltà tecnologica non aveva ancora fatto dimenticare il potere dell’intuizione e l’uso del sesto senso.


Tornando a parlare dei Crop Circle, le apparizioni più complesse ed elaborate e pure più grandi si formano nel Wiltshire.
Le prime divulgazioni di questo fenomeno sono cominciate verso l’inizio degli anni 90 ma fino dagli anni 70 erano state rilevate formazioni in Inghilterra. I Crop Circle, col tempo, sono diventati sempre più sofisticati e complessi attingendo sempre di più, nella loro composizione, ai paramentri dell’antica geometria esoterica e sacra.
Osservate la foto del Circle (all. 1) formatosi il 13 agosto del 2001 e fatto di 6 braccia a spirale con 410 cerchi che compongono le braccia della spirale e del diametro di 310 metri; essa è la più grande e maestosa formazione nel grano di ogni tempo. Bene, qualcuno mi/ci deve dimostrare come è possibile fabbricare di notte, in una sola notte (perché di giorno gli autori sarebbero stati certamente notati e comunque nessuno è mai stato sorpreso a fabbricare cerchi)) un disegno simile di dimensioni così immense e così perfetto. E di cerchi di questa grandezza e precisione ce ne sono molti altri, un vero splendore creativo.


I Circle li osserviamo dall’alto (come le linee di Nazca in Perù all. 7 e 8) ed è dall’alto che possiamo ammirare la loro maestosa bellezza e perfezione e trovare in essi formule matematiche come la “sezione aurea” e la “successione numerica di Fibonacci”. Solo dall'alto è possibile disegnare cose talmente grandi come i crop circle. Se entrate in un Circle e non ne conoscete la forma perché non l’avete visto tramite una fotografia aerea, non vi renderete assolutamente conto di come è fatto, non è possibile capirlo soltanto osservandolo dal suolo.
Vi invito vivamente (se interessati all’argomento) ad acquistare uno dei 2 libri, meglio entrambi, che sono esposti nella “vetrina” di Reikinet nella sezione Sulle Energie. Quello di Haselhoff affronta il problema da un punto di vista strettamente tecnico e scientifico, quello di Forgione va a ricercare tutti gli aspetti energetici, esoterici e sacri che possono ricondurre i pittogrammi ad una memoria arcaica e tratta anche del perchè appaiono in Inghilterra.


Parliamo ora dell’aspetto energetico: per far questo vi consiglio di leggervi prima l’articolo sulla Geobiologia sempre nella sezione “Energie sottili”; vi servirà per capire meglio quello che leggerete.
Mi recai ad Avebury, nel Wiltshire per andare a “misurare” con le mie bacchette un Circle di recente formazione (10 giorni) che avevo visto su internet e di cui è riportata l'immagine all’inizio dell’articolo. Entrando nel campo di grano a circa 200 metri dal Circle, cominciai a camminare con le mie bacchette protese in avanti. Mentre camminavo incontrai, naturalmente, i nodi della Rete H ed essi avevano un andamento regolare come succede quasi sempre in aperta campagna in assenza di manufatti contenenti ferro o acciaio e anche in assenza di faglie o masse ferrose nel sottosuolo. Mentre camminavo verso il Circle e stavo rilevando i nodi a cadenza normale, all’improvviso, a 50 metri dalla formazione, le bacchette smisero di muoversi: non vi erano più nodi!! Affascinato da questa scoperta che non potevo certo prevedere, continuai a camminare e la situazione energetica rimase invariata fino a che esattamente non varcai la linea della circonferenza che separava il campo di grano dall’inizio della formazione. Come entrai nel Circle le bacchette ricominciarono a muoversi vigorosamente e rilevai due tipi principali di energie: ritrovai i nodi di Hartmann ed incontrai un forte campo di energia positiva. Dovete sapere che un buon radiestesista si “sintonizza”, tramite il suo strumento di misurazione, sulle energie che rileva, così come una radio si sintonizza sulle frequenze dei canali per riceverli. Per gli addetti ai lavori questa è una cosa “normale” anche se il suo fascino continua ad esercitare su di me ancora molta meraviglia.

Dicevamo quindi che all’interno del cerchio rilevai un campo energetico completamente diverso da quello situato fuori del cerchio. Potremmo dire che attorno al cerchio, in una corona circolare di 50 metri, si rileva un “vuoto” energetico. Al suo interno, invece, energia positiva e contemporaneamente la ricomparsa dei nodi della Rete H. Non vi è una spiegazione a tutto questo: posso solo prendere atto di quello che ho trovato come in tutti i luoghi fortemente influenzati da energie sottili come la piana di Giza al Cairo di cui troverete notizie nell'articolo L'Energia della Piramide nella sezione di “Energie Sottili”.
Vediamo ora cosa succede ad animali e piante che si trovano dentro un pittogramma (altro nome con il quale vengono chiamati i Crop Circles).
Esaminando le spighe raccolte in un circle, osserviamo alcune mutazioni: i noduli che si trovano lungo una spiga presentano un rigonfiamento; questo quando le spighe del circle vengono paragonate a quelle dello stesso campo colte a molta distanza. E’ come se qualcosa avesse gonfiato i noduli (che in ogni spiga sono 4 o 5) e la differenza è molto evidente.
Queste rilevazioni le ho fatte anche personalmente con i campioni riportati in Italia e su spunto preso dal testo di Haselhoff.

Nel testo di Forgione potrete invece leggere altri aspetti, più esoterici e molto interessanti sulla natura del cerchi nel grano

Un circle è formato dalle spighe stese a terra e da quelle rimaste in piedi: quelle stese non sono mai spezzate ma “adagiate” al suolo come se un “vento” le avesse delicatamente stese. Questa operazione non sarebbe possibile se fosse usato un rullo, come obiettano gli scettici scientisti, le spighe si spezzerebbero o perlomeno se ne spezzerebbe una notevole quantità e rimarrebbero pure schiacciate.
Quello che non capisco, a questo punto della nostra umana evoluzione nel terzo millennio dopo Cristo, è perchè la scienza continua ad avere lo stesso atteggiamento nei confronti di fenomeni senza apparente spiegazione. Essa si pone allo stesso modo in cui si rivolse a Galileo quando, a quel tempo, si rifiutò di guardare dentro il cannocchiale per vedere i pianeti che ruotavano intorno al sole e non viceversa. Fece così per non cambiare idea, fece così perché era chiusa in se stessa.

Se qualcuno, solo 40 anni fa avesse teorizzato l’esistenza dei “buchi neri” come manifestazione del collasso di una stella di una certa massa, avrebbe chiuso la carriera come fisico o come astronomo
Ora l’esistenza dei buchi neri è data per scontata, vengono rilevati dovunque: il centro della nostra galassia pare sia un gigantesco buco nero che tende ad inglobare tutto ciò che lo circonda, compresa la luce.
Rimango meravigliato da questo atteggiamento da parte della maggior parte della comunità scientifica, perché la storia dell’Umanita è costellata di avvenimenti che nel momento che si sono manifestati erano inspiegabili o incredibili e qualche anno o decennio dopo hanno trovato la loro spiegazione con le conoscenze accresciute dal cammino esperenziale dell’Uomo.


Ritornando ai Circle, se prendiamo i semi delle spighe raccolte dentro un “vero” Circle e li facciamo germogliare, la loro crescita sarà diversa dai semi raccolti ai bordi del campo lontano dal circle. Sarà diversa in quando i semi “energizzati”, poiché i semi del circle hanno cambiato la loro essenza energetica, cresceranno più velocemente e più vigorosamente dei semi normali raccolti fuori del Circle fino ad aumentare di 5 volte la loro normale massa.
Accade anche che una volta tagliato tutto il grano, l’anno dopo, quando nello stesso luogo vi è il nuovo raccolto, possiamo ancora vedere la forma del crop circle dell’anno prima perché le spighe che crescono sul terreno dove era apparsa la formazione, sono un po’ più alte e vigorose delle altre lasciando.
L’energia del Crop Circle continua ed esistere nel terreno anche l’anno dopo. Non sappiamo se il grano germogliato dentro un Crop Circle sia commestibile. Esso ha subito mutazioni genetiche (vedi libro di Haselhoff).
Sul libro di Haseloff viene illustrato tramite eloquenti foto questo fenomeno.


Avvengono anomalie anche a livello di fauna: in molte formazioni, subito dopo la loro apparizione, sono stati trovati miriadi di insetti morti, generalmente mosche, attaccati alle spighe: è come se fossero stati investiti da una forte fonte di calore che li ha uccisi e lasciati attaccati alle spighe del grano.
Vi sono anche alcuni filmati in cui si vedono sfere di luce che volteggiano su un campo di grano ed in pochi secondi, il grano si schiaccia facendo intravedere un Crop Circle che si crea (all. bianco e nero). Questi filmati sono stati analizzati da più di un laboratorio e considerati autentici, non artefatti dalla mano umana. Se diamo per buoni questi filmati, vuol dire che i cerchi nel grano si formano in pochissimo tempo, addirittura pochi secondi e questo corrisponderebbe alle rilevazioni fatte sulla formazione apparsa accanto alle rovine di Stonehenge il 7 luglio 1996 dell'ampiezza di 115 metri e composta da 151 cerchi (all. 5 e 6). In quel caso, un aereo, durante un volo pomeridiano, sorvolò la zona una prima volta e c’erano i campi coltivati e quando tornò indietro dalla sua missione, dopo circa mezz’ora, si era formato il Crop Circle. Le testimonianze, in quel caso, furono molteplici perchè il pilota non era il solo testimone, il contadino, il proprietario del campo non notarono niente di strano in quel giorno d'estate e nemmeno tutti i turisti nelle vicine rovine di Stonehenge (che potete vedere nella foto) non notarono niente. Se qualcuno avesse costruito un cerchio, non poteva non essere visto. Come è potuto accadere che un Circle così grande sia apparso in pieno giorno senza che nessuno notasse chi lo fabbricava?

Mi viene da pensare questo perché non credo all’ipotesi degli extraterresti e ritenendo che molti Crop Circle siano di fabbricazione non umana formulo un ipotesi che a me piace.

Taluni hanno anche avanzato l’ipotesi che i Circle possono essere generati da esperimenti di qualche potenza militare: personalmente non lo ritengo possibile anche se i militari, specialmente americani, conoscono segreti che nemmeno ci immaginiamo.

E mia opinione che i Cerchi siano formati da Energie che provengono dall’interno del nostro pianeta. Non so certamente di che tipo o di qualità esse siano, se ci sia qualcuno che opera, come lo intendiamo noi, o se il nostro pianeta è veramente un organismo vivente; il mio è un pensiero e non è supportato da nessuna prova.

*              *              *               *                *  

E ora una ghiotta curiosità tratta sempre dal testo di Haselhoff:

nell'allegato n.2 potete osservare un pittogramma a forma rettangolare apparso il 19 agosto 2001 a Chibolton e sotto è possibile scorgere il radiotelescopio di Chibolton.

A questo punto potete osservare l'allegato n.3 e leggere il significato del pittogramma e della comparazione con il messaggio spedito nello spazio negli anni '70 nell'allegato n.4

Se stampate entrambi potete gustarvi molto meglio la cosa....

Interessante vero?

 

 

 

 

 

 

 

 




Il crop di Aweburi da me visitato

All. 2

All. 1



All. 3

All. 4

All. 5

All. 6

All. 7

All. 8

Altri cerchi nel grano

Fai una domanda o inserisci il tuo commento:
Nick:
Testo